Bimestrale di divulgazione scientifica, di psicologia, psicoterapia e psicosomatica
Nickname   Password





» Nel prossimo numero
- Prossimamente ....
- Gli AUT - AUT esistenziali

 

Il dott. Vincenzo Del Piano, Psicologo e Psicoterapeuta, propone un INCONTRO SEMINARIALE di due ore, per esaminare l’argomento de LO AUT – AUT relativo agli atteggiamenti che è possibile assumere nei confronti della Realtà percepita e degli Altri. Parliamo di dicotomie quali -per es.-  essere miti oppure aggressivi; “pigri” o iperattivi; conservatori o innovatori; calmi o inquieti; “avari” o spendaccioni; “sognatori/fantasiosi” o realistici/concreti, eccetera.
Si tratta di atteggiamenti reciprocamente incompatibili; di veri e propri assetti emoto-cognitivi dalla dimensione  esistenziale che a volte appaiono inadeguati alla stessa persona che li pone in essere perché coinvolgono negativamente il modo di essere e comportarsi nei confronti della Realtà percepita e degli Altri.
L’iniziativa prevede l’esposizione di massima da parte del Relatore e sarà lasciato ampio spazio alla discussione tra i partecipanti che avranno l’occasione di fare domande e se lo vorranno, di “dire la loro”.

L’incontro si terrà presso la saletta dello Studio con accesso da
via delle Conce 2/a in Jesi
il giorno Mercoledì 13 Giugno
dalle ore 17,30 alle ore 19,30.

Il costo per la partecipazione è  di
€ 20,00 (Euro venti), detraibile dalle Imposte.
La partecipazione è “a numero chiuso” (massimo 10 persone). Agli Insegnanti e a coloro che ne faranno richiesta sarà rilasciato un Attestato di Partecipazione valido per il riconoscimento della spesa dovuta a Attività di Aggiornamento Professionale.

E’ richiesta la prenotazione, da effettuarsi scrivendo una e-mail all’indirizzo vindelpiano@gmail.com
oppure chiamando in ore di ufficio il cell. 347.1853087.

IL TEMA IN DISCUSSIONE
COME, QUANDO, PERCHE’ “decidiamo” di assumere atteggiamenti che coinvolgono tutto l’assetto personale? Cosa comporta -sul piano della immagine di Sé- aver “scelto” di manifestarci AUT in un modo, AUT in quello opposto?
Ci chiederemo anche se quella “decisione” è eventualmente modificabile se volessimo cambiare il modo di relazionarci con la Realtà percepita e gli Altri.
Proponiamo un “viaggio” -illuminante e in qualche misura anche divertente!-  tra i condizionamenti che in passato provocarono le “scelte” che è possibile ci espongano attualmente a disagio o danno (non sempre lieve). Sarà esposto come e perché quelle modalità apparvero (inconsciamente?) necessarie e come si può modificarle, sentendoci più in armonia con se stessi.